La “Mensura Christi”

Tag

, , , , , , , , , , , ,

Baldacchino formato da quattro colonnine chiamato ‘Mensura Christi’. Chiostro della Basilica di San Giovanni in Laterano, Roma

Ossia, la misura di Cristo, la sua statura. Conoscere e tenere presente questo dato, soprattutto per i devoti cristiani, è stato per secoli di grande importanza. Tutto cominciò nel Vi secolo, a Costantinopoli, quando l’imperatore Giustiniano, mandò degli uomini leali e di fiducia a Gerusalemme per accertare la misura esatta di Cristo. In base alle misure che questi uomini riportarono a casa Giustiniano fece fare una croce (conosciuta come ‘Crux aurea’ o ‘Crux mensuralis’) alta come Cristo il cui braccio corto misurava come le sue spalle. La croce fu ricoperta di oro, argento e pietre preziose e fu posta nella sacrestia di Santa Sofia, insieme ad altri tesori.

Venne descritta da diversi pellegrini, come per esempio da Antonio, successivamente vescovo di Novgorod:

“La Preziosa croce che è ora conservata nella sacrestia [di Santa Sofia] rappresenta la statura di Nostro Signore Gesù Cristo, diligentemente misurata a Gerusalemme da fedeli inviati e degni di fiducia; e per questo fu adornata con pietre preziose ed argento e coperta d’oro, e ancora oggi concede salute, espelle il male e porta via i demoni”.

Continua a leggere

La leyenda de la creación del Mont Saint Michel y otras curiosidades ‘micaélicas’

Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,

La leggenda della creazione del Mont Saint Miches e altre curiosità ‘micaeliche’.  Puoi leggere quest’articolo in italiano cliccando qui

‘Mons Sancti Michaeli in periculo mari’, éste era el nombre originario del santuario, es decir Monte San Miguel en el peligro de la mar, o ‘Mont Saint Michel au péril de la mer’, erigido en honor del más famoso de los arcángeles. De hecho, como es bien sabido, el santuario surge en un islote de la costa septentrional de Francia, al que el agua rodea cuando hay alta marea. El santuario sustituye a un precedente oratorio situado en una gruta en el ‘Mont Tombe’ (‘Tombelaine’, es decir tumba de Belenos), nombre del lugar antes de la construcción del santuario.

Continua a leggere

Eppur si muove…. Le reliquie di Galileo Galilei

Tag

, , , , , , , , , , , ,

L’8 gennaio 1642 morì uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi, dopo essere stato costretto nel 1633 dinanzi al Tribunale del Santo Uffizio, e per sfuggire al carcere, a rinnegare che la Terra e i pianeti girano intorno al sole, abiurando così la teoria eliocentrica già formulata da Copernico.

Il suo sepolcro monumentale è all’interno della Basilica di Santa Croce di Firenze, luogo che alberga le sepolture di molti famosi personaggi della cultura e dell’arte. Ma non fu così fin dall’inizio. Galileo lasciò scritto nel suo testamento il suo espresso desiderio di essere sepolto in questo luogo e questa era anche la volontà del Gran Duca di Toscana. Ma per la forte opposizione e intransigenza della Chiesa che ancora lo considerava un eretico, fu sepolto, sì, in Santa Croce, ma in uno stanzino di fianco alla cappella dei Novizi della stessa basilica. Vincenzo Viviani, il suo discepolo prediletto, spese tutti i suoi averi, tutta la sua scienza e il resto della sua vita a far conoscere e perpetuare le opere del maestro e per fargli costruire un mausoleo degno. Questo fu finalmente inaugurato nel 1737, data nella quale la Chiesa finalmente acconsentì, anche se con riluttanza, a far spostare i resti del genio dallo stanzino, dove ancora si trovavano, al nuovo sepolcro. Ma non fu un gesto di riconciliazione tra Chiesa e Stato, o fra Curia e Scienza, come vedremo dopo. Nel nuovo sepolcro furono traslati anche i resti del Viviani, che purtroppo morì nel 1703 senza poter aver visto compiersi il frutto del suo incessante operato.

Continua a leggere

Relicarios fantásticos: el Cofre de Egberto o Sandalia de San Andrés

Tag

, , , , , , , ,

Reliquiari fantastici: lo Scrigno di Egberto o Sandalo di Sant’Andrea. Puoi leggere quest’articolo in italiano cliccando qui

El cofre de Egberto se encuentra en la Sala del Tesoro de la catedral de Tréveris1, monumento declarado Patrimonio de la Humanidad por la UNESCO en 1986.

Este pequeño cofre es un maravilloso ejemplo de orfebrería otoniana, comisionado por el arzobispo de Tréveris Egberto (977-993) en el umbral del año 1000.

Continua a leggere

Sulle orme degli apostoli: le reliquie di San Filippo

Tag

, , , , ,

San Filippo. G. Mazzuoli (1643-1725) – Basilica di San Giovanni in Laterano, Roma

Era originario di Betsaida quindi galileo, però come Andrea, aveva un nome greco. Nacque verso l’anno 5 e pare che fosse sposato e con figli. Fu colui che portò Bartolomeo da Gesù. Una delle volte in cui viene citato nel Vangelo è nel momento della moltiplicazione dei pani e dei pesci.

         “Ora avendo Gesù alzati gli occhi e visto che una gran turba veniva da lui, dice a Filippo: ‘Dove compreremo dei pani per sfamare questa gente?’ Ma ciò diceva per metterlo alla prova; egli infatti sapeva bene quanto stava per fare. Gli rispose Filippo: ‘Duecento denari di pane non bastano neanche a darne un pezzetto per uno’”. (Gv 6, 5-7)

Per quest’episodio del Vangelo, nell’iconografia a volte è rappresentato con un pezzo di pane in mano, ed altre volte con la croce, strumento del suo martirio.

Continua a leggere

La Mensa Christi

Tag

, , , , , ,

La Mensa Christi, o Tavola di Cristo, è un blocco di pietra calcarea sul quale, secondo la tradizione, cenò Cristo con gli apostoli dopo la sua resurrezione, dopo l’episodio di Emmaus. Si trova in una chiesa dal nome omonimo nel quartiere arabo di Nazareth, molto vicina alla chiesa dell’Annunciazione.

Continua a leggere

Las reliquias de María Magdalena

Tag

, , , , , , , , , , , ,

Le reliquie di Maria Maddalena. Puoi leggere quest’articolo in italiano cliccando qui

Magdalena penitente (1664). Pedro de Mena. Colección Museo del Prado, Madrid, prestado al Museo Nacional Colegio San Gregorio, Valladolid.

Seguía a Jesús en todas sus predicaciones y no solo lo acompañó en el día de su muerte, sino que fue la primera en dar la noticia de su resurrección. De hecho, Magdalena asistió a la crucifixión y deposición de Jesús junto con María, María Salomé y Juan. Fue la primera en encontrar el sepulcro vacío el domingo por la mañana, donde iba junto con María Salomé y María de Cleofás con ungüentos para ungir el cuerpo de Cristo. Y fue la primera en ver a Cristo resucitado, quien la llamó por su nombre.

Continua a leggere

Reliquiari fantastici: Il reliquiario di Bimaran

Tag

, , , , , , ,

Reliquiario di Bimaran. In primo piano l’immagine di Buddha, a sinistra Brahma e a destra Indra

Misura solo 7 cm, è d’oro, si trova nel British Museum, ed è considerato un capolavoro dell’arte greco-buddhista del Gandhara.

Questo piccolo reliquiario, di inestimabile valore, risale al I secolo d.C. e non solo è importante in se stesso come esempio meglio conservato dell’oreficeria dell’India antica, ma anche perché riporta una delle immagini di Buddha più antiche che si conoscono nella zona del Gandhara.

Continua a leggere

El arca santa

Tag

, , , , , , , ,

L’arca santa. Puoi leggere quest’articolo in italiano cliccando qui

La Cámara Santa. En primer plano el Arca Santa

El arca se encuentra en la Cámara Santa de la catedral de Oviedo (España). La Cámara Santa recibe este nombre porque alberga muchas reliquias, entre las cuales el Santo Sudario, sobre el cual Reliquiosamente publicó un artículo, además de muchas obras de arte de extraordinario valor.

Continua a leggere